accedi   |   crea nuovo account

Non mi riconosco

Sento tutto il peso dei miei 100 anni
sulla mia giovane pelle
increspata forse da strade sbagliate
sicuramente difficili
sto bene
in questo scenario apocalittico
molto mitteleuropeo
mentre la pioggia lava via
il grigio
la città
e tu,
non ti cerco più,
non mi manchi,
no,
tu eri solo immaginazione e follia
immaginazione e follia
dei sogni di un fanciullo
un ragazzino che amo
ma che non riconosco
non mi riconosco.

Sento tutto il peso
della stanchezza
che si deposita come polvere
su una pelle trasparente
sono morto,
sono ancora vivo,
in questo scenario artificiale
in cui sono certo non posso contare su nessuno
che non posso contare sull'amore
e finalmente so che non esisti,
non sei mai esistito,
per questo non ti cerco più.

Mi faccio solo male
e mi lecco le mie ferite, da me,
e questo è tutto...

 

2
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • silvia leuzzi il 25/06/2014 12:52
    Non serve avere cent'anni per fare bilanci. E cent'anni se li sente chi non li ha. Scherzi a parte poesia introspettiva o meglio una poesia spartiacque tra chi si era e chi si è in un tutt'uno che si fonde... se non erro hai solo 27 anni vero? Farsi del male da soli è un'arte che cresce con l'avanzare degli anni. Apprezzata come dicono molti su sto sito ahahhahhahahhah ciao

4 commenti:

  • gianni castagneri il 25/06/2014 10:55
    bellissima! l'impossibile amore, la vita che ci cambia, i sogni che prima ti fanno volare e poi precipiti... tutte cose che conosco!
  • eurofederico il 25/06/2014 10:49
    molto bella e intensa! il bello e il brutto insieme, l'amore e il non amore, il sogno e la realta', le illusione diventate disillusioni... ah come ti capisco e condivido!
  • loretta margherita citarei il 24/06/2014 18:37
    bella la chiusa sempre bravo
  • eleonora il 24/06/2014 18:04
    tu eri solo immaginazione e follia... mi piace molto la tua poesia e in particolare questa frase. mi sento una folle che vive di immaginazione e spesso l'immaginario si fonde con la realtà.. non si vive solo di sogni è vero.. ma non bisogna neppure rinunciare ad essi, e non bisogna smettere di credere e sperare..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0