username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Aria di ferro

Non mi decantare sta vita,
un tessuto di peso grottesco
che non ha ordito e trama
in una stoffa senza pregio.

La vita sfoggia inquietudine
ad ogni inizio di partenza,
se poi c'è coraggio nel soffrire.

Sulla carne il rosso dei morsi
in una stagione sempre uguale,
il cielo con occhi grandi
a scrutare la finezza del dolore.

Il mare non dorme mai, farfuglia,
cresce ad ogni sobbalzo d'onda,
come il cuore mio s'addoglia.

 

0
1 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 17/07/2014 19:41
    Quando si è tristi si vede solo il lato buio della vita. Le tue parole aprono scenari nuovi alla sofferenza e denotano la tua bravura.
  • Auro Lezzi il 27/06/2014 07:03
    A volte è così caro Carmine... Ma a volte c'è qualcosa di bello da decantare...
  • Lorenzo il 26/06/2014 18:27
    Stupenda poesia, "non mi decantare sta vita", eheh che dire
  • Ayesha il 26/06/2014 18:22
    bellissima. Molto intensa.. complimenti.

1 commenti:

  • Domiziana Gigliotti il 29/06/2014 13:37
    Vi leggo la concezione della vita molto pessimistica, purtroppo spesso capita e tutto ci tormenta. Spero di rileggerti con questi versi che sono tuoi, leggermente modificati:
    "il cielo con occhi grandi
    a scrutare la finezza dell'amore". Felice pomeriggio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0