PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Amore al pien de luna

E ora che la luna
pigra ma sempre ruffiana,
le tue chiome
senza più colore
fa sventolar
a lo vento notturno
eppur silenzioso,
sto core malandrino
a essa affidandosi
ti segue,
notte! Ma che notte!
Ma do scappi
tanto ti troverò
amore, libellula
che voli!
Ma a me non sfuggirai;
la luna seguendo
a te mi porterà,
poi tu stanca,
finalmente ti abbandoni
ne le mie braccia
che sanno al fin
consolarti,
e ti lasci andare
in quell'estasi
che chiamandosi amore
non conosce confini.

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 01/07/2014 19:52
    Sempre maestro a creare magiche atmosfere... Fantastico verseggio...

2 commenti:

  • eleonora il 01/07/2014 19:43
    un'altra bellissima poesia!
  • bruno guidotti il 01/07/2014 19:07
    Sempre bravo e pieno di immaginazione il grande Pompeo. Comunque ti auguro di trovare la fuggitiva, bravo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0