PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Guerra

Altro non scorgo nella tua guerra
che navi armate, giunte, sin dal porto,
ond'io, ai tuoi fratelli caduti, porto
fiori, compagni di nostra Terra,

o Uomo! che combatti nella serra
che t'accudisce e ti cresce; nell'orto
che ti fa germogliar; e nel conforto
suo, fai scherno de la tua speme in terra.

Stare in mezzo a questa gente,
che patisce e subisce le lotte,
mi tocca nel profondo, e piango;

il sole e la pioggia battono sul fango
ove un fiore, solo, vive giorno e notte:
è il mio pensiero, inerme, umilmente.

 

1
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • vincent corbo il 15/06/2015 05:42
    Fa piacere trovare in questo sito perle preziose che nessuno ha commentato, perché arricchiscono l'anima e illuminano i nostri giorni.

0 commenti: