accedi   |   crea nuovo account

Cantico - (adattamento di parte del Cantico dei Cantici per essere musicato)

Una voce... il mio diletto
eccolo viene
saltando per i monti
e le colline...
Somiglia il mio diletto
ad un capriolo ad un cerbiatto
che sta dietro al mio muro
che guarda alla finestra,
che guarda alla finestra.
Alzati amica mia bella e vieni
perché l'inverno è già passato
la pioggia se n'è andata
i fiori sono apparsi nei campi
il tempo del canto è già tornato,
il tempo del canto è già tornato...

Una voce... il mio diletto
eccolo viene
saltando per i monti
e le colline...
Oh mia colomba, che abiti le rocce
ti nascondi nei dirupi
mostrami il tuo viso
fammi sentire la tua voce,
fammi sentire la tua voce...
Una voce... il mio diletto
eccolo viene
saltando per i monti
e le colline...
Alzati amica mia bella e vieni,
alzati amica mia bella e vieni...

Catturateci le volpi,
le volpi piccoline
che guastano le vigne
perché la mia vigna è in fiore,
perché la mia vigna è in fiore...
Prima che spiri
la brezza della notte
s'allunghino le ombre
ritorna mio diletto,
gazzella, mio cerbiatto
sopra il monte dei profumi,
sopra il monte dei profumi,
della mirra, dell'incenso, degli aromi,
alla casa di Dio.

Una voce... il mio diletto
eccolo viene
saltando per i monti

12

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • loretta margherita citarei il 08/07/2014 05:03
    anche la mia compagnia teatrale ha modificato x portarlo in scena il cantico dei cantici

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0