accedi   |   crea nuovo account

Pucundria

A pucundria
è vera malatia.
Subdola, maligna,
tutt'o jorno t'accumpagna,
e quann'è sera,
te fa cchiù male;
ma te fa male overo.

Se n'fizza dint'a capa,
e scava.

Scava, scava,
trase dint'e vene,
e come fosse nù veleno,
te squarta o core.

Te sient'e murì,
a vita te pare inutile;
te crire inutile.
Pierde l'allegria,
niente cchiù t'attira,
niente cchiù te meraviglia.

Dottori, stregoni,
mille intrugli,
ma essa,
nun te lassa.

L'unico rimedio,
per nun perdere a ragione,
pe nun ascì pazzo,
è nù suggerimento antico:
t'jà piglià
e pinnel
e manco po cazzo.

 

1
4 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 17/07/2014 17:05
    Lascerei quel coso, non poetico e soprattutto volgare, il resto sono pennellate di autore.
  • Greca Cadeddu il 09/07/2014 04:32
    Concordo con Rossano Rileggendola è bella e molto gradevole. Complimenti
  • roberto caterina il 08/07/2014 21:01
    bella a descrizione dell'ipocondria -depressione nel vernacolo napoletano che per l'occasione sembra essere un po' più cupo del solito, tutto scorre... il finale lascia un po' spiazzati, se ho capito bene bisogna prendersi le pillole e non pensare ad altro, non preoccuparsi? Se è così è interessante e ricorda la famosa pastiglia di Carosone...
  • Rocco Michele LETTINI il 08/07/2014 14:19
    Fantastica per come l'hai decantata. Il mio elogio Ezio.

4 commenti:

  • bruno guidotti il 08/07/2014 19:29
    Tu si 'na cosa granne, a poesia toja è nu munumiente, bravooo.
  • Caterina Russotti il 08/07/2014 18:02
    Meraviglioso vernacolo... Troppo forte!
  • loretta margherita citarei il 08/07/2014 14:08
    sei forte in vernacolo amico mio
  • Rossano il 08/07/2014 13:48
    Non conosco molto bene il dialetto napoletano, ma rileggendola più volte, devo dire che poi scorre, perchè scritta bene e con un buon ritmo. La trovo bella!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0