username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Oltre il cancello

Oltre il grande cancello serrato,
l'orizzonte e il silenzio.
Un cielo senza colori,
rimpiange l'azzurro perduto;
le sue nuvole bianche;
le sue nuvole rosa,
e degli uccelli il volo ed il canto.
Mani con rabbia, cercano forzare
la pesante inferriata
per sfuggire al presente,
dimenticare il passato,
e cercare il futuro sognato.
Ma vano è lo sforzo,
e si ritrovano vinte e dolenti.
Alle loro spalle, una solitudine
senza confini, osserva beffarda,
l'inutile sforzo, sotto una volta
con stelle di carta.
Il ricordo, lampo fugace
che squarcia la mente,
è là che rivuole i suoi giorni,
mentre un vento impietoso,
ne disperde lontano i frammenti.
Sognare... ma fra il sogno e il reale,
v'è sempre il triste risveglio.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Greca Cadeddu il 23/07/2014 09:32
    Colpisce l'analogia col fardello dell'Alzheimer: una prigione da cui si vorrebbe scappare ma dalla quale, purtroppo, non si può. Credo scusa se l'interpretazione non è coerente con l'intento dell'autore.
  • Don Pompeo Mongiello il 15/07/2014 14:59
    Genialità in espressioni sublime e taccio.
  • roberto caterina il 11/07/2014 13:43
    la pesante inferriata di cui si è prigionieri può essere sollevata tramite i ricordi e i loro lampi fugaci.
  • Ezio Grieco il 11/07/2014 09:18
    ... e al di la di ogni commento o riflessione, la vita... va...
    Piaciutissima.
    cl
  • Rocco Michele LETTINI il 11/07/2014 08:32
    IL DISTICO DI CHIUSA COME "AVVALLO" DI QUANTO DECANTATO CON DIDVERNIMENTO... IL MIO ELOGIO BRUNO.

10 commenti:

  • manuela tosti il 29/05/2015 19:44
    il poeta è il cielo ce rimpiange i suoi colori
  • Fabio Mancini il 08/10/2014 15:37
    E come non essere d'accordo? Condivido pienamente! Fabio.
  • Nicola Lo Conte il 06/10/2014 22:46
    Bella poesia con immagini efficaci... e stimolante il significato ed il valore del risveglio.
  • Greca Cadeddu il 23/07/2014 09:33
    Versi che graffiano: pelle e anima, complimenti
  • Ugo Mastrogiovanni il 21/07/2014 11:12
    Una parte del nostro universo, minuscolo e sofferente perché è nello traguardo della vita. Il poeta arriva ad incarnare la propria essenza tra riflessioni e tristezza, ma rimane quell'essenza che è luce pulita, senza ombre, il chiarore intenso del sole che verrà. Una lodevolissima poesia.
  • Teresa Pisano il 19/07/2014 10:00
    -frappone-
    Chiedo scusa per l'errore
  • Teresa Pisano il 19/07/2014 09:58
    Un cancello si frapone tra il sogno e il reale, le mani tentano di forzarlo, per entrare, per uscire, e' lo stesso, e' l'azione del risveglio, triste e dolente
    È una metafora sulla vita credo ma non ho potuto non pensare a coloro che pagano scontando anni di vita dietro alle sbarre di una prigione reale...
  • loretta margherita citarei il 11/07/2014 19:14
    evadere dalla tristezza, dalla propria prigionia, bella, sempre bravo
  • giuseppe gianpaolo casarini il 11/07/2014 15:52
    Bella intensa e intima riflessione poetica per immagini.. pensieri.. meditazioni.
    ggc
  • eurofederico il 11/07/2014 06:40
    IL RICORDO LAMPO FUGACE CHE SQUARCIA LA MENTE... e' proprio cosi'! bellissima!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0