username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Io Noncero

Arrivai al paese
Ma non da solo
il signor Noncero
al mio fianco
Da li in poi
Incontrammo tutti
o nessuno
casualmente.
Mi fermo' una ragazza
aveva gli occhi blu
mi diede un bacio
ma non la conoscevo
E poi sua madre
che non conoscevo
E casualmente
mi innamorai
Quel paesino
cosi' reale
da non sembrare vero
era abbastanza vicino
Si trovava alla distanza
che c'e'
tra il mio cuore
e il mio pensiero.
Quando andai
mi salutarono tutti
cioe' nessuno
ma solo quel segno,
il segno di quel bacio
rimase testimone.
La strada del ritorno
piena di curve
e Rettilinei grigi
passava monti e mari
Ma son dettagli
nell'infinita meta
che sempre pensi
e mai raggiungi

 

1
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 11/07/2014 19:10
    Poesia davvero strana d'accordo con Ellebi ma ha il suo fascino. Bravo
  • Rocco Michele LETTINI il 11/07/2014 10:15
    Una sequela in dettagli d'amore infinitamente pensati e maledettamente mai raggiunti. APPREZZATA E PLAUDITA

3 commenti:

  • Michele Sperduto il 11/07/2014 19:19
    scusa il commento anonimo è mio lo riscrivo:
    Poesia davvero strana d'accordo con Ellebi ma ha il suo fascino. Bravo
  • loretta margherita citarei il 11/07/2014 16:12
    originale bravo
  • Ellebi il 11/07/2014 14:04
    Poesia strana e affascinante, molto apprezzata. Un saluto

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0