accedi   |   crea nuovo account

INCUBO

Correre, sottrarsi, fuggire
senza capir  da chi,
senza saper perchè;
strane inquietudini,
paure confuse e indistinte
di mostri senza volto;
bisogno di gridare,
di scioglere il tuo pianto
sulla spalla di qualcuno
che ti sussuri il coraggio;
e intanto correre, correre,
inciampando, ansimando.

Poi la salvezza del risveglio
nel presente e il sollievo
che l'incubo è finito,
anche se dentro di te
vaga traccia rimane
di ciò che hai sognato
e ancor ti chiedi adesso
da chi fuggir volevi,
se da una minaccia altrui
o da te stesso.

 

2
6 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Paolo Villani il 01/04/2015 15:54
    La fuga da qualcuno o qualcosa è presente nella maggior parte degl'incubi, è il segno che preferiamo evitare e non affrontare

6 commenti:

  • sara rota il 30/09/2007 19:37
    Gli incubi come i bei sogni fanno parte del nostro inconscio... secondo me non è poi così fondamentale dargli peso...
  • roberto mestrone il 29/09/2007 09:33
    Ottimo ritratto dell'inquietudine umana, del ''male di vivere''.
    ''Prudente'' il raggio di luce e di speranza nella seconda parte.
    Bravo!
    Ro
  • laura cuppone il 28/09/2007 15:10
    corre la tua poesia...
    denso di significato.. l'incubo è frequente.. la domanda anche... la minaccia un'incognita..
    ciao L
  • dario spelorzi il 28/09/2007 15:01
    l'incubo di fuggire è ricorrente il difficile è sempre capire da chi..
    bravo ciao dario

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0