accedi   |   crea nuovo account

Malafemmena

E trattato o core mio
comme fosse nù gelato,
te piaciut, ll'e allecato,
fin'e sott cunsumato;
pur'o cono te mangiat.

Quann po' te si sazziata,
senza dà nà spiegazion,
zitta zitta mè lasciat.

Malafemmena!

O'ddicevan'e cumpagn,
statt'accort, arape ll'uocchie,
chesta l'uommene sè mangn.

Ten'a faccia e na Madonna,
fa la timida, a scuntrosa,
quann'a vase se fa rossa;
comme sent ca sì cuott,
te riduce pell'e ossa.

Malafemmena!

E però, mia cara bella,
chella, a vita, è na livella,
è na giostra senza fine,
primm'o poi, se girarrà;
n'copp'o male ca me fatt,
l'interesse fa pavà.

 

1
2 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 16/07/2014 14:58
    Il titolo ci porta ad una canzona fin troppo nota di Totò, il resto un bellissimo verseggiare originale e puro.
  • Rocco Michele LETTINI il 11/07/2014 16:27
    Titolo e costrutto mirabilmente espressi. Encomioabile vernacolese.
  • Auro Lezzi il 11/07/2014 16:01
    C'è molta attinenza con la "famosa" ma piace leggerla.

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0