PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

A proposito di mio figlio

Quella mano piccolina
è diventata grandina
ma ancor la tendi
a me, d'aiuto in cerca,
e io m'affloscio
all'orrida vecchiezza.
Tutto quel che
per la tua contentezza
si è disegnato,
il tempo l'ha stracciato.
Ora che alla noia
non sei abituato
pago un debito
che credevo saldato.
,

 

2
8 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Antonio Garganese il 12/07/2014 07:53
    Molto profonda e di intenso significato. Brava.
  • Rocco Michele LETTINI il 12/07/2014 06:55
    Affetti di una madre che mai s'abbandoneranno ne le mute del tempo... Profondo nel suo verseggiato diligentemente ed amorevolmente. Sereno weekend.
  • Auro Lezzi il 12/07/2014 06:49
    A proposito... Decisamente Si.

8 commenti:

  • silvia leuzzi il 04/05/2016 10:39
    grazie Maria Rosa, non è il mio stile in verità, ma quel che dice è vero e sentito purtroppo. Un abbraccio a rileggerci
  • Maria Rosa Cugudda il 02/05/2016 17:25
    Valida poesia, letta con piacere!
  • silvia leuzzi il 15/07/2014 08:27
    Fabio sei sempre molto caro... e non dico altro. Ciao
  • Fabio Magris il 14/07/2014 18:07
    Un genitore, che, in quanto tale, vorrebbe essere sempre d'aiuto al proprio figlio, specialmente quando l'aiuto è di vitale importanza, dovrebbe essere "eterno"... per poter accompagnarlo sino alla fine... Naturalmente l'invecchiamento si fa sentire, eccome si fa sentire, con angoscia... "Orrida vecchiezza" è un termine anche blando... secondo me.
  • silvia leuzzi il 13/07/2014 16:41
    Gozzaniania memoria sorb ho sbagliato ahahhahh ciaoooooooooo
  • silvia leuzzi il 13/07/2014 16:40
    Grazie a tutti per l'attenzione dimostrata. L'amore verso un figlio non ha eguali e verso un figlio bisognoso di attenzione, cura e pazienza eterne senza limiti di tempo è indescrivibile. Cara Anna di fronte ad un ragazzo di 23 anni con forza e vigore da vendere io a 53 quasi sento avanzare " l'orrida vecchiezza " di gozziniana memoria. Sono felice che vi sia piaciuta spero abbiate apprezzato la musicalità di tipo decadente pascoliano frutto di studi fatti in momenti rubati al sonno. Ciao amici
  • anna marinelli il 12/07/2014 09:00
    Perché "orrida vecchiezza" cara?
  • roberto caterina il 12/07/2014 03:53
    descrivi bene un momento intimo di amore materno, a volte toccante...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0