PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Pane, pietra, fuoco

Come sfere di mille specchietti
che in discoteca
lampeggiano di musica,
tu offri a noi
volti sempre nuovi,
mutevoli e vari, spesso ignoti.

Dolce e tenera, poi ombrosa e chiusa
cambi d'un tratto
e sorrisi di bimba trasmuti
in lucide pozze
di pianto.

Annina cara, irragiungibile creatura,
pane e companatico di vita,
come un segno d'orizzonte
e' l'animo tuo
che a volte vieta ch' io comprenda
e davanti a me schivo arretra
e si ritrae.

Calma sei e compassata,
poi nel mentre ch' io meno intendo,
scatti e mi rintuzzi
e della pietra mostri la durezza piena.

Attendo e non m' adombro
(se lo posso!) e come fuoco privato della fiamma
ma che il calor non ha smarrito,
dolce ritorni e calda,
Annina mia...

 

2
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0