accedi   |   crea nuovo account

Un angelo caduto

Un angelo caduto
mi guarda allo specchio
sfiorando l'ali lattee,
bruciate ai margini
del loro bianco candore.
Cos'è la vita sulla terra
per chi ha assaporato il cielo -
gustato l'infinito?
Resto lì,
nello sconfinato deserto
d'un dolce ricordo
che pare un sogno
per quanto piccolo
quanto infinito.
Una memoria
sregola i miei passi
lasciando il mio andamento
all'errore quotidiano
incurante dell'anima
di ciò che è sano -
chi ha vissuto per volare,
chi ha volato,
non sa camminare.

 

2
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • francesco contardi il 16/07/2014 17:07
    direi versi pregiati. viviamo per qualcosa. Raggiungere quel qualcosa per poi tragicamente perderlo è un duro colpo. ed è difficile ricominciare... ma dobbiamo farlo. la chiusa finale mi ha dato questa emozione! ciao
  • Rocco Michele LETTINI il 16/07/2014 16:42
    Che dire... hai stupito con versi di verita' e di acuto osservare. La mia lode e il mio plauso.

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0