username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Manzonando e salutando

S'odon a destra gli squilli del Vai.
Rispondon tosti urla dello scimmion.
Soffron gli utenti in cerca di poesia,
sopraffatti nella lor misera libertà!
Inutile vagar per le aridità del sito,
ove ormai regnan solo caos e nefandezze.
Volar lontano dagli odiosi starnazzar
è l'unico desio che intenerisce il cor.
Sello il cavallo ed a galoppo l'indirizzo
verso le calde e dolci terre d'oriente.
Lontan dalle beghe dei gran metafisici.
Alla ricerca di tanta pace, gioia ed amor.
Muore la spe e morti son tutti i sogni.
che avean fatto di PR un regno si felice.

 

3
9 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • roberto caterina il 17/07/2014 07:43
    Il sito non dovrebbe essere fonte di certezze autoreferenziate e apprezzo un po' di polemica se non si eccede come purtroppo accade. A me non piacciano i paradisi perduti soprattutto quando danno luogo a prodotti molto convenzionali nel linguaggio e privi di originalità.

9 commenti:

  • Auro Lezzi il 01/06/2016 07:37
    Certo che la storia del clan dei mafiosi bannati da Oggi scrivo è proprio simpatica... A cominciare dal capo mafioso mia zia Vera Lezzi pericolosissima ultranovantenne... Ognuno dica pure ciò che vuole... Tanto Oggi scrivo come PR è l'ennesimo sito ormai allo sbando, mollato dai suoi autori migliori... Il clan era formato da un gruppo di autori che non condividevano le regole risibili di una pseudo redazione capitanata da un vecchietto psicolabile tal Martini... Quando il clan dei mafiosi avvertì il povero imbecille che il sito era ormai in mano ad un orda di personaggi ben conosciuti che intendevano distruggerlo come avevano fatto con altri siti(VEDI POETIKA).. La risposta fu la bannatura senza preavviso di questi autori... A nessuno di loro fu possibile recuperare le opere pubblicate(Questo si che fu un atto di mafia pura mai visto in nessun altro sito), poichè la redazione se ne appropriò per chissà quale loro fine... Inoltre con totale vigliaccheria questo gruppo di autori fu attaccato ed offeso pubblicamente nella bacheca di quel sito, senza che fosse loro concessa la minima possibilità di replica. Ma ormai il Martini era solo un bamboccio in totale balia di ben altro clan.
    Comunque avevo scritto qua dopo 2 anni solo pregando Sacha-Blueyes-AlfaCentauri ecc ecc di andare a sviluppare le sue beghe altrove, senza inzozzare le mie opere, poichè non interessano assolutamente al sottoscritto.. Io con alcuni di quegli autori del vecchio clan pubblichiamo felicemente nel Club dei poeti... Ove tutti gli autori sono salvaguardati da una redazione vigile e risoluta, che ha già provveduto a bannare i vecchi personaggi come Blieyes ed Amorino... E che è perfettamente a conoscenza delle loro intromissioni con nuovi nick.
    Questo è il mio ultimo scritto su PR a cui non dedicherò più neppure un attimo del mio tempo... Ognuno replichi pure come meglio creda... Non ci sarà nessun altro mio intervento.
  • Anonimo il 25/10/2015 23:41
    Usate Google Chrome
    poi in estensioni "chrome://extensions/"
    cercate "Adblock Plus" e aggiungetelo
    ,. jj,... toglie tutte le pubblicità
  • Anonimo il 04/07/2015 13:54
    Ah, dimenticavo... testimoni dicono che tu eri il più scalmanato del Clan. Poeti mafiosi?... mai sentito... mafiosi finti poeti, sì!
  • Anonimo il 04/07/2015 13:52
    Boh?... io so che voi 10 bannati su un sito dove eravate dicventati un Clan state facendo ridere il web letterario italiano... questo è il fatto. Il resto son chiacchiere. I fatti hanno la testa dura. Tu sei fra quei dieci bannati in un colpo solo perché in odore di mafia... bannati dal gestore che intimidivate con metodi da andrangheta; vedi tu!
    L'italòia ride: cancellati da questo sito che è meglio.
  • loretta margherita citarei il 17/07/2014 16:46
    che dirti amico mio? chi poca autostima ha abbaia sempre verso gli altri
  • Eugenia Toschi il 17/07/2014 15:08
    Uno sfogo... di libertà.
  • vincent corbo il 17/07/2014 11:19
    Inutile scrivere belle poesie e bei racconti se poi l'animo umano è offuscato dalla superbia e dalla voglia di prevaricare. Uno sfogo, il tuo, che comprendo perfettamente.
  • Chira il 17/07/2014 08:44
    Aurooooooooooooo! Ogni giorno ci sono offese, a tutti, reiterate.
    Ma ci conosce?! Lo conosciamo!? cosa sa di noi e noi di lui?!
    Ci dovrebbe essere un abbandono di massa ma lasciamo agli altri le "immensità" e a noi le nostre "piccole-immense" cose.
    A leggerti.
    Chiara
  • Vincenzo Capitanucci il 17/07/2014 07:21
    quando muore l'ape... muoiono anche tutti i fiori..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0