accedi   |   crea nuovo account

L'Albatros

Un Albatros vola, gioioso e regale, nei cieli di Puglia.
Non è il suo cielo, non è il suo mondo,
ma lui è felice di volare lassù.
Le sue grandi ali planari lo rendono sublime,
vola più in alto e più veloce degli altri.
Qualcosa, o qualcuno lo costringe a posarsi per terra.
Qui in basso non è più il grande e maestoso uccello che volava ne cielo, qui è sgraziato, goffo, quasi brutto.
Ha le ali spezzate,
un vile evento lo ha tagliato via dal suo mondo,
ora è solo in questa terra che non è la sua patria.
Si chiede come fare per tornare lassù e non si accorge
della rupe,
cade di botto : le sue ali rotte non lo sorreggono, va giù.
Forte dolore………
Lui non c'è più.
Ma qui la magia!!!
Da quel corpo maciullato dall'impatto, si stacca un bianco, regale e luminoso albatros, che riprende a volare nei cieli del mondo, lì dove è ancora il Re.

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Anonimo il 02/06/2011 18:17
    Eccellente
  • Luigi Locatelli il 26/07/2010 10:29
    che dire? è una gran cosa la cultura... ho spunti su cui meditare... grazie... Adelaide e Gianpietro mi piacerebbe essere guidicato da voi...
  • Vincenzo Capitanucci il 05/02/2008 08:59
    Bella... molto apprezzata... concordo con Adelaide... qui c'è qualcosa in più... questo precipitare nell'abisso e ritrovarsi a volare... quasi per magia... di nuovo in cielo

    Abisso cuore
    precipitosamente
    in cielo volo

    Grazie Ugosan... sei un bel tipo
    Vincenzo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0