PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Non era lei

Di passi freschi la cadenza,
la movenza spedita,
la cadenza svelta riconobbi;
l'abitino a fiori ricamato
e il portamento fiero
mai mutato.
Le forme, la linea, la figura:
m'inceppai negli occhi d'ametista
e un tremore m'offuscò la vista.
Inatteso un tuffo nel passato.
<Come stai?> balbettai a stento
e l'abbracciai.
<Sperava fosse mamma!>
mormorò impacciata,
ma indugiò lo stesso assai garbata.
Il volto mi si fece fiamma,
perché resse il cuore non saprei:
mi ero illuso ma non era lei!
Come feci ad omettere trent'anni
non so, me lo chiesi spesso
e me lo chiedo ancora anche adesso.

 

5
8 commenti     6 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

6 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Maurizio Cortese il 16/09/2014 14:38
    Ugo Mastrogiovanni usa un tono poeticamente elegante e fiorito per descrivere quelle situazioni in cui spesso incappiamo scambiando una persona per un'altra. Nel caso specifico forse quell'abbraccio non gli è dispiaciuto.
  • Greca Cadeddu il 23/07/2014 06:07
    Il cuore cammina sempre avanti alla ragione: un desiderio che si materializza per poi infrangersi, senza svilire l'emozione del ricordo. Bella, complimenti
  • Don Pompeo Mongiello il 21/07/2014 10:32
    Insuperabile in questo sito, non so aggiungere altro!
  • francesco contardi il 18/07/2014 16:03
    Bellissimi versi signor Ugo. le sue parole mi emozionano sempre, leggo sempre le sue poesie!!! sono favolose!!!
  • Nicola Lo Conte il 18/07/2014 13:06
    "Come feci ad omettere trent'anni
    non so, me lo chiesi spesso
    e me lo chiedo ancora anche adesso."
    Il cuore ha una memoria emotiva, dunque non ha logica!
    L'emozione ha prevalso ed è bello così!
  • Rocco Michele LETTINI il 18/07/2014 10:05
    Come feci ad omettere trent'anni?
    L'amare e il calore non fermano il tempo. Indimenticati resteranno... POETAR DA GRAN MAESTRO... È LA POESIA CHE PRENDE... SERENA GIORNATA...

8 commenti:

  • marcella vitelli il 22/07/2014 15:37
    Una grande emozione!!
  • Domiziana Gigliotti il 20/07/2014 13:05
    La linea, la forma la maestria di questi versi incantano il lettore. buona domenica.
  • Gianni Spadavecchia il 18/07/2014 17:40
    Un ricordo improvviso, un incredibile desiderio. L'emozione regna.
    Molto piaciuta.
  • Teresa Pisano il 18/07/2014 16:31
    Inaspettatamente un ricordo, un desiderio, dal passato si tuffa nel presente e si improvvisa in un'illusione, la proiezione di un ricordo che ancora fa emozionare
    Quella sconosciuta per un istante ERA LEI...
    È piacevole leggerti!
  • silvana capelli il 18/07/2014 14:54
    Emozionante! Ugo.
    i tuoi versi comunicano il desiderio di poterla riabbracciare;
    e lo sento anche mio, Grazie per la tua bravura poetica.
  • Anonimo il 18/07/2014 13:01
    e grazie del tuo passaggio
  • Chira il 18/07/2014 11:42
    Le somiglianze... spesso si fanno incontri che cancellano il tempo e fanno rivivere attimi eterni. Incantevole, Ugo!
  • Vincenzo Capitanucci il 18/07/2014 11:37
    Bellissima Ugo... di una grande delicatezza...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0