accedi   |   crea nuovo account

Le parole

Le parole sono state consumate
a furia di lavaggi e simulacri,
quel che le lega ci disunisce
quel che ci lega non combacia.

Nella vita c'è chi vive e chi vede:
ma chi vede non vive,
abbagliato dai colori dell'iride.

La storia è come un fiume,
al letto originario torna sempre;
non c'è talpa o essere umano,
che con il lavorio di scavo e pieno,
sia riuscito a cambiare il corso,
che fluisce e deglutisce.

Chi vive non vede,
chi vede non vive,
potremmo discettar per ore
ma non nascondo
il male del mio cuore.

 

6
9 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • frivolous b. il 24/07/2014 14:01
    molto pirandelliana... e poi resta il fatto, cara poeta, che ormai sei diventata bravissima!
  • vincent corbo il 19/07/2014 12:50
    C'è sempre qualcosa da dire e da pensare nelle tue poesie dalle parole giocate (tu sei il giocoliere che fa volare gli attrezzi senza mai farli cadere)... le parole, la storia, la vita, il male del cuore.
  • Antonio Garganese il 19/07/2014 09:05
    Questa poesia mi piace moltissimo, contiene riflessioni importanti garbatissime anche se scomode. Amarezza ma anche una soluzione, tanti complimenti.
  • Rocco Michele LETTINI il 18/07/2014 19:57
    Scusami... ho cliccato sbadatamente. Un distico sbucato dalla chiarezza. Eh si pensasse al tuo pensiero... non sarebbero solo parole! IL MIO ELOGIO E IL MIO PLAUSO.

9 commenti:

  • silvia leuzzi il 25/07/2014 22:02
    Fri... fai arrossire zia tua ahahhhahah comunque chiedo scusa a tutti per un refuso che ho corretto non è " defluisce " ma " deglutisce " perché la vita spesso ci fagocita e la nostra sfida è salvarci. Ciao di nuovo tanti ringraziamenti a Francesco e a tutti voi
  • silvia leuzzi il 19/07/2014 17:14
    Fabiuccio grazie grazie sempre per i tuoi commenti
  • silvia leuzzi il 19/07/2014 17:13
    Grazie Antonio sono contenta che ti sia piaciuta e grazie a te Vincent che nel tuo commento hai detto una cosa che mi gratifica molto e cioè: che le mie poesie fanno pensare. Vero è nel loro intento altrimenti sarebbero solo PAROLE. Ciao amici cari e grazie grazie a tutti
  • Fabio Magris il 19/07/2014 10:54
    Non ho "parole" per commentare questa tua "Le parole"... non è un gioco di parole... Con poche frasi hai espresso una situazione vecchia come il mondo ma che scopriamo ogni giorno sempre più vera... e... che ogni giorno che passa ci ferisce il cuore sempre più...
  • Anonimo il 19/07/2014 08:49
    Grazie a tutti voi amici sono felice vi sia piaciuta perché la sento molto come poesia Ciao
  • denise il 19/07/2014 07:12
    complimenti silvia... mi piace molto questo modo di scrivere perentorio, una verità che non da spazio a contestazioni
  • bruno guidotti il 19/07/2014 05:53
    La tua poesia che trovo oltre che bella anche attuale, va riflettuta per dargli diverse valenze, quindi ad ognuno la sua. Brava.
  • Ellebi il 19/07/2014 00:41
    Mi viene in mente, leggendo questi versi, che scrittori e poeti, perlopiù, sono spettatori della vita, che non vivono ma che vedono per raccontarla. Forse però vivono anche loro, sommessamente tuttavia, perchè impegnati a raccontare l'altrui vita, o la propria. Un saluto.
  • Rocco Michele LETTINI il 18/07/2014 19:46
    Chi vive non vede,
    chi vede non vive...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0