username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

FRASSINU

(A Giuseppe Marannano)


Nasci nta la me' terra
un arvulu curiusu
duru
comu lu marmu di 'n'altari
anticu
quantu la luci di lu suli

... si chiama frassinu

Crisci com'un addevu
siccu e longu
cu li capiddi nfuti
e li vrazza
c'acchiananu nto celu
comu si vulissiru abbrazzari
puru li muntagni

Nta li viali
si ciuscia la tramuntana
pari un ballerinu
mentri cala la testa a la so' dama

Nun fa ciuri di Madonna
né frutti pi fimmina c'aspetta

... fa sulu ùmmira

Ma quannu lu viddanu
'ntacca la so' scorcia
da li so' vini nesci
la manna di lu celu.


Nasce nella mia terra/un albero curioso/duro/come il marmo di un altare/antico/quanto la luce del sole/... si chiama frassino/Cresce/come un bambino/magro e alto/con capelli folti /e le braccia/che salgono nel cielo/come se volessero abbracciare/pure le montagne/Nei viali/se soffia la tramontana/sembra un ballerino/mentre fa l'inchino alla sua dama/Non fa fiori/degni della Madonna/né frutti/per donna incinta/... fa soltanto ombra/Ma quando il contadino/incide la sua corteccia/dalle sue vene esce/la manna del cielo.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Dora Forino il 23/07/2011 11:51
    Bellissima poesia in vernacolo, per fortuna che hai trascritto anche la versione in italiano.
    Apprezzata molto. Ciao!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0