accedi   |   crea nuovo account

La poesia in frontiera - un pensiero per chi soffre davvero

1

Siamo sotto questo cielo
Con il naso all'insù
Annusando l'aria
Inciampando spesso in
Ogni buca o fosso
Rimane il vuoto
E qualche rotto osso.

2

Ero in fondo alla strada
Cercavo l'assoluto
Ho trovato un buco
Ho tirato stringhe
A strette scarpe
Ai pantaloni le cinghie
Ma non è servito.
Ci siamo sbracati
Eravamo un branco di cani.

3

Scappano e mordono sabbia
L'occhio sbarrato sull'incomprensibile
Innocenza perduta e non solo...
E noi piangiamo l'iphone
E noi piangiamo l'amore perduto
E noi piangiamo...
Solo quello sappiam fare
Esecrare, inorridire,
girare lo sguardo altrove
dove il panorama è migliore,
mangiando un panettone
o una torta o il maccherone
e smettiamola con i menagrami
la poesia è una carezza
non questa monnezza...

4

Il seme dell'odio
Non è transgenico
Produce succo di sangue
Che colora l'orizzonte

 

3
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • denise il 22/07/2014 07:08
    cara mia silvia, immagino che molti come me, nel leggere questa tua, si siano sentiti in colpa. ci sono attimi in cui ci rendiamo conto di quanto inutili ed egoisti siano i nostri turbamenti, ma sono appunto attimi e poco dopo torniamo al nostro mondo, fatto di i phone e cruise control.. di piccoli intoppi quotidiani che ci sembrano drammi teatrali.. comunque la tua opera è da elogiare sotto molti punti di vista ma la mia parte preferita -essendo io amante del macabro - è ovviamente la chiusa, sprigiona una forza tale da divenire immagine reale che si può quasi toccare

4 commenti:

  • silvia leuzzi il 23/07/2014 15:36
    Denise sei una grande. ti mando un bacio
  • denise il 23/07/2014 07:15
    non credo silvia, che se non parli d'amore, un'opera valga meno.. anche io nelle mie poche pubblicate ne ho una lasciata lì a se stessa, senza un commento.. ma la penso in questo modo: era talmente bella da lasciar senza parole un po come la tua, chi vuole approfondire le oscurità del nostro animo? l'ipocrisia si nasconde dappertutto e non ci piace puntare il dito anche su noi stessi... io forse sono diversa, tu forse sei diversa, già solo per il tuo nome, che rappresenta libertà dai vincoli
  • silvia leuzzi il 22/07/2014 22:13
    Sicuramente dal numero di commenti non vi è dubbio che l'argomento interessa a ben pochi visto che non parla d'amore e di struggimenti vari. Detto questo elogio e mi gratifico del bellissimo pensiero di Denise. Dolce giovane amica questa poesia non esclude nessuno ma salva tutti. ti cito un bel verso di una poesia di un poeta maltese che mi ha affascinato, è contemporaneo Oliver Friggeri se ti capita leggilo. Senti che bei versi tratti dalla poesia Noi Siamo un desiderio:
    "Non siamo che una pistola tra le dita
    con forza bruta essa governa il mondo... "
    Sarebbe troppo lungua altrimenti la scriverei tutta, questo per dirti che siamo nulla ma che insieme possiamo tanto.
    Caro Fabio che stiamo perdendo di umanità si vede, ma a noi un pochino è rimasta ahahh Grazie sei un amico e un estimatore fedele ciao un abbraccio a tutti e due e grazie grazie
  • Fabio Magris il 22/07/2014 22:02
    Una giusta accusa e mea culpa questa tua... piangiamo, ma non basta difronte a quello che sta accadendo nel mondo. I nostri cuori si son troppo induriti, stiamo perdendo umanità...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0