accedi   |   crea nuovo account

Io, fra Pino

Indomito,
co na tonaca castagna
e no laccio
pe' bretelle,
lo suol ardente
toccando
co' li gnudi mei piedi
vo,
cantando
le mie pene
e le mie passioni,
e niuno me ferma.

 

2
0 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 23/07/2014 07:27
    l'andare indomito... bella riflessione
  • Rocco Michele LETTINI il 22/07/2014 17:50
    È l'insensibile quotidianita' Don... Resta solo il tuo giusto lamento.
  • luca il 22/07/2014 17:07
    bella come sempre don, complimenti

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0