username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Il cuore alle spalle

E di nuovo sei
in assenza di me,
a subire il purgatorio perenne
che hai reclamato per te,
senza castighi nè regni promessi,
oggi come ieri
caparbio a disseminare
sangue rappreso
come scampoli di sabbia.

Eppur ti conosco dietro quelle ombre,
fiume sotterraneo che non sa
di invadere le fondamenta di una vita,
di erodere un'anima
la mia.

Chi sono io
se conoscendoti pensavo
che lava e ghiaccio
ti assomigliassero,
in quegli abbracci caldi
dopo il gelo di un'occhiata.

Ma ora se tu che ti strappi
l'identità di dosso
e il rispetto sacro
delle tue insegne,
sperando io dimentichi
chi davvero sei.
Ma io patisco
la tua vergogna
che le lacrime vomitano
dentro ogni casa distrutta.

E si è estinto il giorno
dentro di te.
E si è spento tutto
intorno a me.

Ma io continuo a vederti.

E per una volta vorrei
che il mio Dio mi trovasse
nella polvere che tu hai sollevato,
senza esser io a cercarlo.

Perchè mi uccide
vederti uccidere,
e non vorrei far più
poesia tagliente per parlarti

12

2
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0