accedi   |   crea nuovo account

La chiamano estate

Pomeriggio afoso di luglio,
il cielo si fa scuro,
soffia forte il vento,
neri nuvoloni minacciosi in arrivo,
un lampo, un tuono,
ecco il diluvio,
non si vede oltre la strada.
La chiamano estate,
ma non vuole decollare,
sembra autunno,
quest'anno è così ,
stagione anomala
del duemilaquattordici.

 

1
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0