PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Primavera 2013

Hai visto mai
un'anima in pena
corrucciare la fronte
e partire
Riavvolgere
una pellicola
in un cinema
imbottito
di arazzi color porpora
con gli occhi stanchi
e vigili
E moltitudini
a recitare
il paradosso
di un sabato.
Giri come un disco rotto
e ti ritrovi in un buco
bianco
asettico
anestetico.
Qui vendiamo l'inferno
e sarà un bel soffrire,
sotterrare un inverno
nei bassifondi
di un albergo
per amanti clandestini
e viaggiatori,
in una bambola
di cera,
in una donna
dal sorriso a stampo,
in un giocattolo.
It was just
A question of lust
Elettronica
che batte lenta
serra la mia bocca
e non respira
e l'asolana
è cieca questa sera.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0