accedi   |   crea nuovo account

Oggi

Quieta estate che inizi
con la nudità dei miei anni
ronzando come ape in alveare
incredibilmente odorosa
di acqua e di meloni
di sabbia e di salsedine..
sei attesa..
hai lucciole silenziose che
come strada lunare riportano a casa.
Estate
della mia vecchia terra!
Cicatrici di anni
che s'abbarbicano
sui balconi afosi
leggendari
della mia giovinezza.
I miei occhi inondati di luce
si perdono sulla spuma verdeggiante
di questo tratto di mare
dove il giorno
si nasconde e poi riappare
come l'onda..
invitante..
in questa estate
che ogni tanto odora anche di nuovo.

 

1
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • cristiano comelli il 01/08/2014 16:30
    Non ho affatto simpatia per l'estate, non l'ho mai avuta nè mai l'avrò ma devo ammettere che il suo componimento, nell'illustrarla, ha suggestioni interessanti e avvolgenti. Bene. Cordialità.

3 commenti:

  • antonina il 19/11/2014 15:29
    grazie Giuseppe, molto interessante il tuo commento.
  • Giuseppe Vita il 19/11/2014 13:01
    È il tuo rimembrare tempi che ti furono gioiosi, estati che, anche se ogni anno si rinnovano, non sapranno più darti profumi e sensazioni come allora. Una descrizione particolareggiata e piacevole. Molto apprezzata. Un saluto!
  • antonina il 02/08/2014 13:33
    Grazie... Cristiano

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0