PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Vortice

Giro intorno a me
sospendo il tempo
creo un vortice di energia
estasiato nel movimento
sorrido spensierato
e giro più veloce

Nella stanza cadono le mura
gli oggetti perdono forma
i colori si diluiscono
mi sento leggero
cadono i pensieri
e tornano i giocattoli

Il centro dell'ombelico è il motore
il corpo è una trottola
l'energia scorre
e si concentra nel mio sesso

Giro ancora più veloce
la stanza ora è un pianeta
i colori brillano
e si fondono
la materia non è reale
quando il centro del corpo si desta
le sofferenze passate sono solo sogni
e io mi sento nuovo

più bello
più forte
più sveglio
più maturo.

Sì, ora mi sento di più.

 

1
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • denise il 01/08/2014 07:11
    l'ombelico centro dell'universo come diceva il caro Osho, direi che in questo tuo vorticare hai riattivato percezioni assopite da tempo
  • silvia leuzzi il 31/07/2014 22:06
    Ma questa è una danza mio caro Louis! Molto intrigante, direi anche erotica ma di quell'erotismo conturbante e non scocciante. Un vortice appunto come l'hai chiamata. Apprezzatissima ciao a rileggerci Silvia

1 commenti:

  • eurofederico il 01/08/2014 06:04
    una ricarica di cui tutti abbiamo bisogno, un nam yoho renghe kio!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0