PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Nettare di silenzio

Sguardo assente, curvo, prono e chino
come lo schiavo di sè stesso, delle proprie colpe, dei troppi errori,
di essere uomo...

quel fantastico concerto di ormoni ed incoscienza
che la natura ha voluto forgiare nella più meschina maniera...
e poi?

Tripudio di pensieri, fonte di energia,
e nasce l'idea, un inno alla follia,
vivere o morire, ho deciso : mi innamoro...

si, nuovamente,
ma in modo diverso, più incosciente,
per schiaffeggiare quell'inutile perla di saggezza che anticipa il declino...

No, io non sarò mai tra i veterani, ma tra i caduti sul campo,
con quello sguardo fiero da angelo che soffre, da bambino mai cresciuto,
in un mondo di marinai senza rotta, accompagnando chiunque,
senza dimenticare che nel mio cielo brillano due stelle

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 03/08/2014 16:02
    belle le immagini, fra l'altro, dei caduti sul campo( mi associo)e dei marinai senza rotta... bella poesia... ciaociao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0