accedi   |   crea nuovo account

Lu foju

viancu lu foju
come na vergine novia
c'spetta de concedese
all'amore

attenne lu movimentu
de la manu
che mentre scrive verzi
l'accarezza.

Spetta
a punta de a penna
su a pelle,
spetta che me arrianu
le idee jiuste e velle

pe lassà su de issu
parole accese,
quillu che me detta
l'emuzione.

Ma passa lu tempu
issu resta viancu...

De scrive propriu nun me vene.

Fugghiata è l'ispirazione
e lu foju par che s'engiallisce
s'encrespa e tra le grinze
vene na piega amara che sbiadisce...

a stessa piega che me fa strorce a vocca
quanno sentu che sto core vive

parpita e smania ma nun sà più scrive.


Traduzione

Il foglio

bianco il foglio
come una vergine sposa
che aspetta di concedersi all'amore
attende il movimento della mano
che mentre scrive versi l'accarezza.
Aspetta la punta della penna sulla pelle
aspetta che mi arrivino idee giuste e belle
per lasciare su di esso
parole accese, quello che mi detta
l'emozione.

Ma il tempo passa
e rimane bianco..
di scrivere proprio non mi viene.

Fuggita è l'ispirazione
e il foglio par che s'ingiallisce
s'increspa e tra le grinze
vien una piega amara che sbiadisce...
la stessa piega che mi storce la bocca
quando sento il cuore vivere
palpitare, smaniare, ma che più sa scrivere

 

4
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Caterina Russotti il 04/08/2014 13:17
    un periodo "sabatico" nel quale, ogni tanto il poeta si rifugia a ricercare quell'ispirazione capace di far funzionare il cuore e muovere quella mano capace di lasciar traccia indelebile su di un foglio bianco del suo sentire. meravigliosa Vincenzo
  • Rocco Michele LETTINI il 04/08/2014 08:41
    MAGISTRALE METAFORA NEL TRADURRE UNA VERGINE SPOSA CHE ASPETTA UNA CAREZZA PER CORONARE UN ATTESO AMORE COSI' COME UN FOGLIO BIANCO, IMMACOLATO ATTENDE IL COMPOSTO DI UN SENTIMENTO CHE PERO' INGIALLISCE COL PASSARE DEGLI ANNI... PROFONDO NEL SUO SEQUELAR...
    SERENA SETTIMANA

2 commenti:

  • Nicola Lo Conte il 19/08/2014 14:59
    Delizioso e godibile, benché malinconico quadretto di una grande poetessa...
  • Fabio Magris il 04/08/2014 14:07
    Pregevole. Il vernacolo ha un sapore che solo il vernacolo può dare. Bellissima metafora. Gustata. Grazie.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0