accedi   |   crea nuovo account

Obbedienza inevitabile

Su cose nascoste vigilano
gli Dei marini
e sulla Grazia
da trovare al fine poi che
l'amore non è punto
né inizio né pensiero
che crudelmente dura un giorno
solo
ma
continua a pettinare
le sue partenze senza tempo
continua ad esistere nonostante
la stanchezza reclami una brevità
assurda e forse efferata

e se dopo anni la Fortuna appare
avrà comunque begli occhi
saprà formare la voce di dolci
detti che tengono a freno
l'anima
nel volontario declino del cielo.

Obbedienza inevitabile
a suo modo eroica
l'attesa
trova nell'impossibile il possibile.
Non è mai andato via l'affetto
e i suoi graditi doni
e le immagini non gravose
di alto splendore.

 

1
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 06/08/2014 06:53
    bella poesia nella quale sia l'incipit che la chiusa lasciano il segno marchiando a fuoco il titolo... a me è piaciuta particolarmente l'ultima strofa...
    Non è mai andato via l'affetto
    e i suoi graditi doni
    e le immagini non gravose
    di alto splendore.
    ma anche, come fa notare Vincenzzo, bello il passaggio... trova nell'impossibile il possibile
  • Rocco Michele LETTINI il 05/08/2014 07:14
    Un'eternità amorosa in versi sofferti che nella sola speranza bussa a l'apparire de Sora Fortuna, con gli occhi più belli nell'incanto di chi ha continuato ad amare davvero nel più sincero... Nell'impossibile il possibile? SERENA GIORNATA ROBERTO.

1 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 05/08/2014 07:14
    trova nell'impossibile il possibile... splendore.. malgrado la stanchezza reclami più brevità nella ricerca.. molto bella Roberto...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0