accedi   |   crea nuovo account

Tibet un petalo dai mille soli

Bardo
Bardo Todol

nella culla dei suoi monti
s'immolò
aggiungendo una lamina d'oro al sacro libro dei morti

dal molo ardente
e
incommensurabile dei suoi occhi
vide

il vuoto

la rinascita in un mare di nubi avvolgerlo nel corpo

mentre la sua anima si frantumava nella fiamma di mille soli

 

l'autore Vincenzo Capitanucci ha riportato queste note sull'opera

Trovate una scusa per invadere il Tibet.. disse Stalin.. chi controlla il Tibet controlla le riserve d'acqua vitali di tutto il continente asiatico(lo Yangze, il Mekong, l'Indo, il Brahmaputra nascono qui)


4
2 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • cristiano comelli il 06/08/2014 18:09
    Rinascita in un mare di nubi. Vincenzo, nelle tue penne regna la vera estasi poetica, non è che mi daresti qualche ripetizione? È anche segno di sensibilità umana e non unicamente poetica essersi soffermati su un Tibet martoriato su cui mi auguro che l'urlo di una Cina che verso di esso è sempre stata orrendamente liberticida non prevalga mai. Ciao e complimenti ancora.
  • Caterina Russotti il 06/08/2014 14:31
    La rinascita, che bellissima l'immagine del sole. Morire per raggiungere la salvezza. così di sicuro la morte non fa paura, ma diviene un percorso importante della tua vita. meravigliosa Vincenzo.
  • Anonimo il 06/08/2014 06:24
    Il libro tibetano dei morti... che esperienza dve essere quella di un'anima che vive nell'interregno tra la morte e la rinascita... ho un amico Buddista che ha fatto venire il Dalai Lama all'Elba... mi ha spiegato molte cose di quella religione, o disciplina di vita... ricordo solo che è forse la meno limitante la libertà di vivere, tra tutte. Poesia per pochi specialisti... molto efficace la rinascita in un mare di nubi...
    quando mi spiegò la rinascita( c'è un nome, mi pare) gli chiesi subito: ma io chi sarò nella prossima vita?... non so, disse ma nella precedente eri un marinaio greco... holahola.

2 commenti:

  • Giuseppe Bellanca il 06/08/2014 13:30
    Il fascino del Tibet e bella anche la tua visione espressa in questi versi bravissimo Vincenzo ciao.
  • Rocco Michele LETTINI il 06/08/2014 07:09
    Fantastici versi in una corolla da sogliare... Altri fiori?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0