accedi   |   crea nuovo account

L'amore non ha fine in memoria di Valentina Giovagnini

L'AMORE NON HA FINE IN MEMORIA DI VALENTINA GIOVAGNINI



Di te mi inebrio, inesausta e sconfinata
Musica,
ancestral antro e divino
di divagazioni sonore intonse e ancor vergini,
inesplorate mulattiere di note nitide.
Ecco, il ruggire candido dei miei anni vi offro,
ondeggio di emozioni senza contorni tiranni
non indecifrabili che al loro progressivo dilatarsi
adorate ed ermeneutiche sonorità celtiche e medievali;
a voi s'avvinca come scintillante fantasia floreale
la mia voce di "Creatura nuda",
perché folletto in sempiterno moto
sfuggente e dispettoso
eppur amorevole sia questo canto
nelle dolci mura del mio "amore senza fine".
Questa vita riservato m'ebbe
Sol l'incanto di un respiro incompiuto e breve
Come il "Passo silenzioso della neve".
Ah, val di Chiana che mi sapesti essere
Incandescente, seducente ruscello di miele,
padre Giovanni, madre Maura,
in notti di tenui canzoni mi riavrete,
foglia iridescente di felicità mai sopita
sarà la vostra Valentina
ebbra del fresco, aureo sorriso
che l'aroma maestoso ha della rugiada,
che quell'incidente olezzante di precoce morte
mai ha divorato e ucciso.


--------------------------------------------------------------------------------

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 08/08/2014 17:16
    Non mi ricordo di lei, ma ha poca importanza che io ricordi, mentre Lei ora mi è nota grazie a te. L'eco della sua voce è viva e supera la crudeltà del suo infelice destino. Un grande omaggio alla sua memoria che ti fa onore.

2 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 08/08/2014 18:01
    Molta bella Cristiano.. le hai ridato voce... non la conoscevo.. pur avendo abitato Sanremo... per molti anni.. non ho mai ascoltato e guardato un festival...

    ...

    Nessuna estate canterà il tuo addio
    da questa spiaggia in bianco e nero ed io
    coloro le mie labbra con un'altra identità...

    ...

    come un fiocco di neve caduto dal cielo..
  • cristiano comelli il 08/08/2014 15:28
    Chi di voi ricorda Valentina Giovagnini, giovane talento canoro troppo presto strappato al mondo da un destino la cui bocca è sempre maledettamente avida di belle rose? Valentina prese parte a un Festival di Sanremo con un brano magnifico, "Il passo silenzioso della neve" che ottenne giustamente il premio della critica. Un mondo originale, il suo, fatto di sonorità medievali e celtiche che sono rarità nel nostro panorama musicale troppo spesso popolato di schifezze immonde. Valentina invece lo elevava. E troppo presto il destino l'ha strappata al mondo. Il titolo del ricordo che le ho inteso dedicare fa riferimento al suo album uscito postumo. Già, l'amore non ha fine, grazie Valentina, dolce rosa soave ora riposa. La mia vicinanza alla sua famiglia e al suo ragazzo che ancora, ovviamente, sono lacerati da questo inestirpabile dolore di perdere una figlia giovanissima per un incidente stradale bastardo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0