accedi   |   crea nuovo account

Figlio di Puttana

fidarsi
illudendosi ancora una volta
giurarsi che, finalmente
l'attesa è finita
ignorare la ragione
obbedendo solo al cuore
dimenticando vecchie ferite e
ipotecandosi l'anima
per due occhi ammalianti e
un cuore da iena
tante stelle e
troppe lune
annebbiano i sensi e
non fanno di un cielo
alcova d'amore

 

3
4 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • ignazio de michele il 20/08/2014 15:26
    oltre che essere un Poesia è un urlo lessicale che pur nella semplicità dei termini emana una potenza espressiva non comune. circa la stesura, eh... molte volte il Sentimento stende davanti agli occhi uno zendado troppo spesso per farci -vedere- bene...
    brava!
  • Rocco Michele LETTINI il 09/08/2014 00:49
    Più eloquente di così... L'ha gridato l'anima... Straordinari versi...

4 commenti:

  • augusto villa il 20/08/2014 20:54
    Ahahah... davvero un bell'acrostico!
    Ben fatto! ------
  • Greca Cadeddu il 19/08/2014 22:22
    Grazie a tutti
  • Ugo Mastrogiovanni il 15/08/2014 07:56
    Un canto felino... accorato ed eloquente.
  • eurofederico il 08/08/2014 22:27
    capita sempre cosi'... il nostro bisogno di amore ci fa vedere amore anche dove amore non c'e'!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0