PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Vento trionfante di Francia felicitazione a Vincenzo Nibali

Eccoti, bicicletta fedele,
telaio di sogni e scienza di sudore imperlato,
sottobraccio si procede,
ai bizzarri sorrisi del vento di Transalpe,
mentre pare la strada fiera indomabile,
ma sedotta dolcemente
dalla frusta carezzevole di ruote complici;
arde la memoria arabeggiante ed ellenica
del grembo di Trinacria che al mondo
mi diede in bacio e con una sella per missione;
è nitida esortazione alla fatica
questa montagna che lo sguardo spaventa,
l'Isoard che scie di fiato divora
impietoso e basaltico
i cronometri cartesiani custodiscono
l'ondeggiare di magia di pedali
che altri pedali salutano
in contesa eppur in sacral rispetto.
Traguardo è il nome autentico
della gioia e del dolore
l'anelito a far sì che quel giallo
cesellato dal sole frastagliato di Francia,
e soavemente imprigionato
nei confini di una disiata maglia,
adagiarsi sappia preciso e inscalfibile
sui tremori della pelle e del cuore.
Sì, Vincenzo
la vita è un velocipede inquieto ma lucente
che tradir mai sa nè mai saprà
chi davvero gli dona amore.

 

2
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • cristiano comelli il 09/08/2014 22:14
    Credo che, osservaando l'impresa di Vincenzino Nibali, Coppi e Bartali si siano abbracciati. È la magia di una storia che continua. Ne approfitto per auspicare che sia fatta finalmente luce sulle reali cause della morte di Marco Pantani. Una preghiera anche per lui.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0