PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ogni luogo è il mio luogo

Ogni luogo
dove un bambino soffre
è il mio luogo
è
la mia patria il mio ventre
la sete il sangue
e
la tomba del mio cuore

 

3
2 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • silvia leuzzi il 10/08/2014 19:28
    Complimenti Vincenzo una sintesi poetica che esalta la drammaticita' cogliendo l'essenza dell'orrore.
  • Francesca La Torre il 10/08/2014 18:13
    Hai ragione, come si fa a essere insensibili quando sono prorpio i bambini a soffrire? Piaciuta molto.
  • Anonimo il 10/08/2014 11:53
    eh sì... molto attuale... orrori delle guerre, ed altro... a volte mi chiedo: ma perché non prendete i bambini come parametro di giudizio di certi comportamenti umani(???)... una poesia non di facile interpretazione la tua, anche se a me è subito entrata nel cuore... holahola

2 commenti:

  • Rocco Michele LETTINI il 10/08/2014 23:32
    Ogni sofferenza è la tua sofferenza... Solo dal sensibile tuo cuore Vincè... GRANDIOSA
  • Chira il 10/08/2014 12:14
    Hai ragione, tanta. Ormai è un mare di sangue e le guerre sembra non finiscano mai. Una vergogna per tutta l'umanità, dove c'è gente che si nutre di tutto questo male. Ora anche l'America che aiuta la Libia... ma a chi la vogliono dar da bere?! Sono poche le tue parole ma di fortissimo impatto emotivo.
    Chiara


    Chiara

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0