accedi   |   crea nuovo account

Tempo perso

Era solo svenuto,
ma sembrava sperduto
"Ho perso il tempo",
farfugliò riverso
tornando in veglia.
Era come riemerso
dallo spazio lontano
mentre tesi la mano.
Quasi un posto sgradito
ch'esigeva un perché.
"Ho perso il tempo, ahimè",
replicava smarrito,
guardando all'insù
Il tempo sospendeva il corso
su quel volto dall'aspetto triste
che da quel giorno io non vidi più.

 

3
6 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 12/08/2014 14:38
    Il tempo, ad una certa età non gioca più a nostro favore, la lotta diviene necessità. Bravissimo!
  • Maurizio Cortese il 11/08/2014 21:49
    Il ricordo di un'esperienza vissuta, metafora del tempo che scorre, tornata alla memoria per far comporre ad Ugo Mastrogiovanni il solito cesello poetico.
  • Rocco Michele LETTINI il 11/08/2014 15:42
    Lo scorrere del tempo in un remoto che si fa ricordo, tristezza, assenza futura...
  • Anonimo il 11/08/2014 13:33
    Bella... hai reso bene, anzi benissimo, l'idea di smarrimento... credo che Chira abbia ragione sull'epilessia... successe anche ad un mio compagno di scuola, un certo Carlo Carli, e la reazione al suo svenimento( cadde di schianto mentre era interrogato) fu la stessa... holahola.

6 commenti:

  • Giuseppe ABBAMONTE il 17/08/2014 11:35
    Un invito a non sprecarlo, il tempo. Scritto come al solito magistralmente. E per questo assolutamente efficace. GA
  • Fabio Solieri il 14/08/2014 12:19
    Un lasso di tempo del quale non abbiamo usufruito, è proprio una cosa persa, scherzi poco piacevoli della mente.
  • Rita il 11/08/2014 10:46
    il tempo visto come nemico...
  • Chira il 11/08/2014 10:37
    "Ha perso il tempo" in genere si dice per chi ha attacchi di epilessia, niente di più vero perché per attimi si è davvero lontani nello spazio, come quando si sviene... tremendo trovarsi davanti a certe situazioni, dove ti senti impotente e per il profano bisogna solo aspettare "un ritorno". Sempre maestria e immensa umanità. Grazie Ugo.
    Chiara
  • Vincenzo Capitanucci il 11/08/2014 09:39
    un passante.. un passaggio della Tua vita Ugo... personificato in un attimo di tristezza.. a Te quasi estraneo..

    Splendida..
  • roberto caterina il 11/08/2014 09:26
    Quasi una funanmbolica creatura questo tempo che c'è e non c'è. Piaciuta...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0