accedi   |   crea nuovo account

Migrando invisibili

Cosa sono agli occhi del poeta
quelle striature candide e varie
che traversano lente l'azzurro?
Sono proprio lo zucchero filato
dei baci scambiati tra gli amanti
alla ricerca dell'approdo eterno,
migrando invisibili dalle bocche
socchiuse appena nel vibrare.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0