PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Nel mio sogno

Ne la notte
quanno er sonno
nun vo venì
me tormento
e penso a te;
ma che strano
stanotte,
dormo eppur te vedo,
nun devo manco
pensatte,
si là
dinanzi a me,
le tue mani
le mie sfiorano,
le tue labbra
le mie strusciano,
la tua lingua,
bé lassamo perde,
a foco co la mia
è già ita.
In un vortice
senza fine,
volanno volanno
fino a Pietro
arrivamo.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 13/08/2014 12:15
    Don, pr Pietro intendi il paradiso?... ettecredo, il bacio è la manifestazione più sentimental-erotico-poetica che esista... ganzo, piaciuta... ciaociao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0