username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Abbandono

La strada è tetra senza sbocco
tre lampioni ciechi un cassonetto
lattiginoso il cielo qualche fiocco
un gesto ignobile maledetto.
Tra rifiuti ed immondizia una creatura
la mano ancora insanguinata dal cordone
vile tremante immatura
mente depressa senza ragione.
Mondo di dementi insoddisfatti
schiacciati da bieco insulso consumismo
lifting pasticche seni rifatti
smarrimento insicurezza lassismo.
L'abbandono della melanconia
lo sconforto sempre strisciante
società acefala in agonia
irrefrenabile noia nausea costante.
Che pena, un tonfo ferisce il cuore
frigido algido arido
appena sbocciato il tenero fiore
abbandonato piangente ancora madido.

 

2
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 13/08/2014 14:42
    Un profondo e toccante verseggio gridato giustamente...

3 commenti:

  • Ugo Mastrogiovanni il 15/08/2014 08:02
    Interessante e reale il tema, gradevole il dettaglio, significativa la rima: ammirevole.
  • giuseppe gianpaolo casarini il 13/08/2014 19:42
    Forte e coraggiosa descrizione e messa in versi poetici di abominevoli azioni..
    e della tragica realtà che ci circonda..
    decisamente bravo!

    ggc
  • eurofederico il 13/08/2014 16:51
    non e' facile trattare in poesia un argomento cosi' triste! bravo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0