PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Vedovanze

Troppe piogge
annacquarono
il sole

le labbra
non ebbero
più il sapore del vento ed il colore del vino

ruscelli
torbidi di fango
portarono a valle i pianti del cielo

Dimmi Mamma
qual è il vero dolore

è
quando l'ebbrezza nasconde il suo viso sotto la gonna di vedovi in Dio

 

3
1 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 16/08/2014 15:39
    Dimmi mamma qual è il vero dolore... E la poesia si veste di tristezza per quanto di profondo hai lasciato in sì emozionante verseggio...
  • francesco contardi il 16/08/2014 08:35
    A me piace soprattutto la domanda rivolta alla Mamma. In ogni fase, età o luogo alla fine si può essere vissuti, sposati, esser genitori, nonni o bisnonni. Ma nel dolore si cerca sempre la Mamma... bellissima Vincenzo, ciao
  • Anonimo il 16/08/2014 07:35
    Mi ha intristito questa poesia, ma in modo poetico... ruscelli torbidi di fango portarono a valle il pianto del cielo... immagine molto piena, forte, calzante... troppe piogge annacquarono il sole... altro stupenda metafora di un amore perduto... davvero bella, mi ha colpito... ciaociao.

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0