accedi   |   crea nuovo account

Vorrei essere un poeta

un Poeta dei carrugi è un'altra cosa
io, m'intendo di osterie, vino rosso e coltelli
do del tu a puttane e contrabbandieri di bionde
ad ogni angolo di madonnina votiva
Ci vivo, scrivo il mio destino ogni giorno
mi vesto ad ogni alba con un mestiere diverso
troppo ribelle per le regole Vitae
troppo bastardo per amare una sola Donna
troppo dannato per un abito talare
mi vesto di macaia fra pareti vecchie come il mondo
e di Scirocco quando faccio all'amore
con la più bella
Tu...

 

1
6 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 20/08/2014 07:38
    Eh beh, nasconditi pure dietro una foglia di fico( ahahahah... non fica...)ma questa è Poesia... mi hai ricordato De André, anche perché l'ambientazione è quella... c'è forza, potenza e vita in questi versi, ergo emozione, quindi pathos... che vogliamo di più, un genovese?... ahahahah... tra i preferiti... holahola

6 commenti:

  • ignazio de michele il 20/08/2014 17:13
    grazie Giacomo, graditissimo il tuo commento.
  • Greca Cadeddu il 20/08/2014 07:11
    Hai detto bene: quelli che si ritengono tali o che vengono così definiti, ma la poesia non è un'etichetta è uno spasmo d'anima.
  • ignazio de michele il 20/08/2014 06:48
    Greca... beh, i Poeti o quelli che si fan chiamare così sono altra roba... grazie e buona giornata
  • ignazio de michele il 20/08/2014 06:46
    Lo... sempre ben felice di leggerti. grazie e buona giornata
  • loretta margherita citarei il 20/08/2014 04:11
    sei un grande poeta, bellissima
  • Greca Cadeddu il 19/08/2014 22:21
    Perchè, che ti manca?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0