PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Tornadi

Ne lo plumbeo ciel
in quel de Marche,
du augelli rapaci
de latta fatta,
da nomi altisonanti
come Tornadi,
se tuzzano e scopppiano
arrossando la volta.

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 20/08/2014 14:44
    Una sequela stupendamente forgiata...

2 commenti:

  • Ellebi il 21/08/2014 01:01
    Sai Don, il fatto, non raro per la verità, non è propriamente un buon segno sulla nostra "valenza" militare. E questo accade proprio quando il nostro premier è a Bagdad per offrire le nostre armi ai curdi che si trovano a fronteggiare gli islamici estremisti dell'Isi. Se poi aggiungiamo che i Tornado sono ormai strumenti militari quasi obsoleti, allora hai ben ragione a definirli "augelli de latta". Un saluto
  • roberto caterina il 20/08/2014 16:20
    Questa è la prima delle due poesie che hai postato sullo scontro degli aerei... sì uccelli di latta.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0