PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Vento d'autunno

Correvano i ramarri
in solitaria fuga
sotto il sole
di un'estate cocente,
mentre bruciavano
le mie dita, scorticate
da dispettosi rami.
Erano mani sottili di ragazzo
che a sera tornavano congiunte
negli innocenti gesti di preghiera.
Ed io sognavo quadrifogli mai trovati
e storie di giornate in allegria
sui quei declivi aspri di montagna
ove candide schioccavano lenzuola
lavate al gusto fresco di lavanda.
E mi batteva forte dentro il petto
quel cuore generoso di ragazzo
che oggi trema, ansioso,
tra pavide parole consumate
e tremolanti verbi smozzicati.
Ormai è lontano il tempo
dei venticelli freschi di campagna,
dei zefiri serali nei pioppeti,
di corse lungo gli argini dei fiumi.
Quel soffio adesso
è divenuto affanno
nell'aria greve
che riluce, a tratti,
dentro la penombra della sera.
Col tempo son scemati,
tutti assieme,
quei sogni primitivi
di fanciullo,
come girandole
di foglie rinsecchite
che il vento dell'autunno
spande a terra...

 

1
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • roberto caterina il 24/08/2014 09:33
    Bella questa tua poesia, molto classica nei suoi temi, ma con uno svolgimento che ti prende e appassiona e si vede che è molto sentita.

3 commenti:

  • loretta margherita citarei il 24/08/2014 03:35
    veramente bella, belle immagini descritte
  • salvo ragonesi il 23/08/2014 17:00
    Bellissima questa tua che sa di rimembranze mai assopite. Un vento d'autunno che viene leggero su di noi. ciao. salvo
  • eurofederico il 23/08/2014 14:22
    bellissima! l'autunno, stagione metereologica e stagione della vita...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0