PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il diavolo e l'acqua santa

Se siamo dei robot
di un vigente assurdo e geniale complesso di neuroni

la nostra unica libertà
è quella di dire

un no
"licenzioso e licenziante "

alla nostra procacciante e capricciosa mentalità materiale

ma se dico sì
sfrenandomi da tutto quello che mi blocca in una fogna del tempo

a quella profumata essenza che presuppongo provenire dall'edenica silenziosa voce della mia anima

sono finalmente libero nell'io che sono
e
bagno gli occhi di questa mia fugace "iità generale " in un programma fiume ancora più vasto di fulgente predestinata deità

 

1
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 25/08/2014 06:12
    Beh Vincenzo, questa è davvero omplessa... certo, io l'ho capita, e approvo... ma noi abbiamo parlato di libero arbitrio neuronale, ed allora... essere liberi nell'io e non dipendere da un anticipo decisionale dei neuroni, questa è la predestinazione divina... io infatti nella predestinazione umana non credo... ciaociao, questa tua è da studio, come a scuola. Andrebbe introdotta, motivata e spiegata come certi quadri astratti... holahola, tra i preferiti
  • Rocco Michele LETTINI il 25/08/2014 06:10
    Considerazioni che si fan poesia e un invito a meditarle...

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0