PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La Belle Époque

Di carne e plastica fusa
Scivoliamo in forme dall'aspetto gradevole
Mascherate attitudini al futuristico
Senza alcun futuro da decifrare

Un piano 'massonico' di dubbia franchezza
Dirige i nostri disgusti apocrifi
Regnando al di sopra di un bene drastico
Cuce insieme i nostri miseri vezzi

Bambole cosmiche figlie di spettri
Marciamo in gregge tra ruspe e conigli
Divoriamo pane e vino tracanniamo
Accovacciati tra le teste dei giusti

Pesci fuor d'acqua ci dibattiamo
Senza respiro la morte vediamo
Venirci incontro col secchio pieno
Che ci rovescia dolore e veleno

 

2
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 25/08/2014 09:12
    Quartine di acuto... per condannare una quotidianità ormai alle strette... STUPENDA LAURA... FELICISSIMA SETTIMANA

3 commenti:

  • augusto villa il 31/08/2014 20:25
    Da piccolo credevo che la Belle Epoque. .. fosse un'attraente signora francese. ..
    da piccolo non conoscevo il mondo degli adulti... Ora che lo conosco posso dkrti che hai scritto una bella poesia...
  • Chira il 25/08/2014 11:59
    Un titolo altamente ironico a sottolineare la "nostra epoca": quello che ha di bello stiamo distruggendo e colgo un'estrema analisi fatta di visioni "apocalittiche". Scusami se ho farneticato ma ultimamente vedo intorno a me troppe ingiustizie e morti innocenti.
    Chiara
  • roberto caterina il 25/08/2014 08:21
    Bambole cosmiche, dolore e veleno in un momento di cruda immaterialità

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0