PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

E vecchierelle d'o quartiere

M'arricordo ca quann'ero piccirillo,
tutte 'e vecchiarelle ca steveno e casa
dinto e vascitielli do quartiere mie,
steveno sempe allere, e cantavano sempe,
o che steveno assettate, o che gghievano
tuorno tuorno a ffà e servizi, e je...
ca ne conoscevo e nomme e tutte quante,
quanno scennevo pa via, dicevo:
Buongiorno onna Lucia,
Buongiorno onna Sufia,
Buongiorno onna Maria...
Buongiorno onna Assù,
E chi me risponneva cu nu surriso,
chi cu na carezza, e chi dicenneme:
Salute a ttè, Angelò, e je,
aggia dicere a verità, me sentevo
cuntento e conoscere tutta chella ggenta,
ma po', so passate ll'anne,
e tutte chelli belli perzone,
nun ce stanno cchiù, però,
je o ssaccio, ca me stanno aspettanno,
e quanno a sera me vaco a cuccà,
o pensiero mie è sempe accussì:
Dimane, po' essere ca ce verimme,
e turnammo n'ata vota a essere felice!!!

 

1
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0