username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Fischiettava il marinaio

Fischiettava il marinaio sul molo di Capo
Mulini in una sera d'ottobre. Mentre col
filo degli occhi seguiva nel cielo dell'ultimo
marangone l'affievolirsi d'un volo felice,
ruvida d'anni la fronte gli freddava, il gelo
(come in un silenzio di cimitero, vedevo
la sua indecifrabile attesa tra le vele bianche
delle barche). Fischiettava sul molo il marinaio
e da assai lontano fischiettavo anch'io,
che pure ero giovane e fresco di belle speranze.

 

0
2 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 29/08/2014 19:12
    Il contrasto di due fischiettare... metafora di vite agli antipodi, o meglio duali, o contrarie, o salita e discesa, rasseganzione e lotta, amore rampante e cavalline zoppe... insomma, così lìho letta e m'è pure piaciuta... ora che ti ho fatto ilcommento siamo amici?... eheheheh... e tu ne fai uno a me falso come io lo fò a te?... eheheheh... ma dai, divertiti Nino che ne hai ben donde... holahola
  • roberto caterina il 29/08/2014 10:44
    Io no la trovo poi così triste anche se c'è un silenzio da cimitero e molti degli stilemi propri della tua produzione. Fischiare in un certo senso rompe quegli equilibri raggiunti dalla tristezza e se fischiare può essere interpretato come un segnale che smorza l'allegria e la felicità anche in un giovane, tuttavia ha un potere dirompente che assegna all'attendere una sapienza ruvida di anni.
  • Luca il 29/08/2014 10:11
    Con gli anni c'è la rassegnazione e la perdita di tutte le speranze.
  • Rocco Michele LETTINI il 29/08/2014 08:33
    Si fischietta anche per tristezza... aspettando giornate serene... PROFONDI VERSI ANTONINO

2 commenti:

  • Ugo Mastrogiovanni il 29/08/2014 18:05
    Sembra rimasto ancora lì, sul molo di Capo Mulini, quel marinaio, ma immortalato da questi versi come una statua di bronzo ossidata dagli anni, uguale a quella fronte ruvida d'anni. Ben riuscito il contrasto del fischiettare di "un giovane e fresco di belle speranze" che, se pur giovane e fresco, sembra soccombere a quello maturo di un vecchio lupo di mare.
  • Luca il 29/08/2014 10:23
    Poesia molto riflessiva, complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0