accedi   |   crea nuovo account

Il formicaleone

Svolazzi qui e là
beffardo
con le tue ali puntinate,
sei buffo,
eppure hai ali di libellula
ma libellula non sei
forse i tuoi nei sulle ali
sono la vergogna che provi
per il tuo passato di larva
di enorme zecca nella buca
in attesa della sua formica da addentar,
ora di pura linfa
e di puro nettare
ti cibi
eppure qualcosa non quadra
perché svolazzi solo di notte
re della sabbia?
Sei stanco e ti riposi su una parete e mi guardi
e io ti osservo
c'è un sottile legame tra me e te
... me lo dicono le tue antenne...

 

2
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • silvia leuzzi il 29/08/2014 12:20
    Molto intrigante questa tua poesia Fri... un allegoria come il mio Calabrone.. strani personaggi affollano questa terra e tu sei riuscito a darne una descrizione veramente eccellente. Ti adoro

4 commenti:

  • eurofederico il 29/08/2014 16:50
    sempre molto intrigante!... e metaforica!
  • gianni castagneri il 29/08/2014 14:27
    carina e divertente! una bella metafora...
  • frivolous b. il 29/08/2014 12:23
    ahahah zia sei la numero 1!
  • silvia leuzzi il 29/08/2014 12:21
    oddio a un'allegoria non ho messo l'accento... lo dico perché qui gli errori di battitura mi potrebbero costare molto caro ahahhahhahhahhahh

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0