accedi   |   crea nuovo account

Chiodi

Al buio di una notte disagiata
come sempre m'affido
per rivivere la consapevolezza
della tua assenza.
È un inquieto viaggio
senza meta alcuna
cammino in bilico
un bivio da scegliere.
Dolori avvinghiati ai chiodi
di croci costruite
con le dure corde della memoria
sepolcro polveroso.
Nell'oscurità canto nenie
silloge di annose malinconie
immota sopravvivenza
del male oscuro mai obliato.

 

0
2 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Giuseppe Pennella il 01/09/2014 18:01
    Molto bella. triste come la vita di ognuno di noi. breve ed intensa.
  • Anonimo il 01/09/2014 16:38
    L'amore si associa al dolore, spesso in simbiosi che rende cruda la memoria. La mente lucida ripercorre un cammino che crea angoli sofferti e cupi. Riconosco che il buio è complice dei silenzi dell'anima.
  • Eugenio Flajani Galli il 01/09/2014 16:14
    poesia scorrevole musicalmente ma piuttosto difficile da interpretare

2 commenti:

  • Donato Caione il 01/09/2014 20:09
    Poesia ermetica, difficile da interpretare, ma sicuramente valida
  • Anonimo il 01/09/2014 16:27
    Mi associo per la scorrevolezza. Hai dato molta intensità a questo tuo lavoro che mi pare davvero ottimo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0