accedi   |   crea nuovo account

Clochard

Vite di periferie
prendono sogni a noleggio.
Si alimentano di nudi pensieri
che pascolano la notte.
Vie tetre,
persino losche
dove lo specchio riflette solo
immagini sbiadite e rarefatte,
come se fosse un lago increspato.
Un uomo beve il suo ultimo sorso nel cartoccio,
neanche il vino regala più un attimo di calore.
I suoi legami sono lontani,
ormai anni-luce...
non fa più sogni a tre D,
pieni di luci e colori.
La sua vita è in bianco e nero da tempo.
Si alza per breve spazio,
barcollante e stanco,
cerca un'inspiegabile scorciatoia,
nonostante che il suo tempo
non abbia più valore.
Non esistono più sconfitte per lui,
in una vita ormai persa prima di morire.
Il suo cartoccio di Tavernello
anche questa notte fa il miracolo...
Un abbraccio improbabile al manto di stelle
dietro la coltre spessa delle nubi.
Un sentiero occulto dove l'anima si sgretola,
e le sue particelle vanno in ogni direzione.
L'uomo viene vinto dal sonno,
domani sarà un altro giorno nel quale
spera di non svegliarsi.
Annientato, stordito e stanco,
vagherà ancora alla ricerca di qualche spicciolo
per un altro calice di vino
che vinca il suo dolore.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Alfredo Di Cola il 03/09/2014 22:06
    Siamo tutti Clochard!
    Hai colto il segno, Salvo.
    Infatti questo brano è rivolto ai clochard non per scelta ma per necessità, per disgrazia.
    Quelli che, in balia della crisi e della disperazioni, smettono di vivere e muoiono prima di morire. Grazie anche a te Gianni per le parole di consenso
    Io lavoro spesso davanti alla stazione di Pescara e tocco tutti i giorni con mano la situazione critica in cui versa il nostro Paese
  • Anonimo il 03/09/2014 14:49
    Siamo TUTTI CLOCHARDS!
    Può essere un aforisma. Il tuo sembra un disperato, un premorto.
    Avrei preferito un clochard con gli occhi limpidi, che domanda per mangiare, che continua ad amare la vita, di quelli che si vedono in Italia: esodati, senzatetto, disoccupati, orfani, anche assassini di malerbe, poeti stravaganti, prestigiatori e politici.
  • gianni castagneri il 03/09/2014 14:06
    bellissima, quasi commovente!... anche se spesso quella e' una scelta di vita...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0