accedi   |   crea nuovo account

Premier

Delle parole in libertà scade il tempo
come per la vita che di sé dispone
quando è al governo un giovanotto
che disfa e fa svelto le regole.

Non ha aria da superuomo certo
questi dalla parlantina veloce
bravissimo nei cambi di passo
nei proclami suoi di riforme.

Ne verrà grande bene al popolo
senza emicranie a pensare
da chi semplificherà tutto.

La scuola vuole innalzare
deciderà il come e il merito
modestia eroica da non lodare.

 

1
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 03/09/2014 21:10
    Un poetar diligentemente espresso... è la realtà quotidiana a dettarlo... FELICE SERATA.
  • Anonimo il 03/09/2014 15:42
    Batterei le mani, se mi potesse vedere, ma finga di vedermi perchè applaudo forte. Non che ce l'abbia col giovanotto, ma mi sa che sputacchia troppo a dir panzane. Poveri insegnanti che a sessant'anni devono ancora dimostrare il merito... S'è fatto contagiare dalla Gelmini, quella rovinascuola!
    M'è piaciuta proprio, caro Prenna.

1 commenti:

  • Michele Prenna il 03/09/2014 15:57
    Si potesse scrivere come per la corrente ad alta tensione "Chi tocca i fili (che formano il tessuto della scuola) muore" non si conterebbero i ministri folgorati per l'improvvisazione riformistica in un campo tanto delicato e importante.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0