PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Pianto al faro

Ho sentito piangere gli uccelli
quella sera al faro
camminando tra sentieri belli
al calar del giorno, di luce avaro.
Ho ascoltato le Diomedee
e il loro mesto pianto
delle Tremiti son le dee
e un vagito è il loro canto.
Piangono sulla tomba di Diomede
e sull'isola di San Nicola gli albatros
rendono al condottier la loro fede
e ricordano tristezza e tanatos*.
Da molto lontano son partite
per rendere omaggio al loro Dio
per sempre punito da Afrodite
qui Diomede a pagare il fio.

*Morte nell'antica Grecia

 

2
5 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 07/09/2014 08:10
    Donato caro leggo ora i tuoi versi che della tradizione poetica italiana e non solo. Meritano maggiore attenzione... li rileggero' per il momento complimenti e buona domenica
  • antonio pascarella il 06/09/2014 14:08
    Ho ascoltato le Diomedee
    e il loro mesto pianto
    delle Tremiti son le dee
    e un vagito è il loro canto.
  • Maurizio Cortese il 06/09/2014 11:31
    Rivisitazione moderna di temi antichi: molto bravo.

5 commenti:

  • Donato Caione il 07/09/2014 08:27
    Grazie Sivia dell'attenzione e buona domenica anche a te.
    ciao Donato
  • Anonimo il 07/09/2014 08:10
    Ciao sono Silvia Leuzzi scusa
  • Anonimo il 07/09/2014 08:10
    Ciao sono Silvia Leuzzi scusa
  • giuseppe gianpaolo casarini il 06/09/2014 08:56
    Bella per immagini e sentimenti.. un bel poetar e complimenti

    ggc
  • Emiliano Francesconi il 06/09/2014 08:00
    Bella quasi pascoliana!!!! Complimenti ed un salutone!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0